Progetto di AITSaM Pn opportunità di inclusione sociale e non solo

PORDENONE – Dopo il verbo “amare” il verbo “aiutare” è il più bello del mondo. In arrivo una nuova opportunità di solidarietà, cultura e gioia per i giovani e non solo.

Con A.I.T.Sa.M. Pordenone Onlus – Associazione Italiana Tutela Salute Mentale di Pordenone, inizia il progetto “Giovani, nuove ali per il volontariato”, in unione con altre associazioni e realtà del territorio. Per promuovere la cultura della solidarietà, della cittadinanza attiva e del volontariato, una grande iniziativa che mette al centro i giovani.

18 le associazioni coinvolte oltre ad AITSaM: “Temposcambio” Banca del Tempo di Pordenone, San Vincenzo De Paoli – Consiglio centrale di Pordenone, Radio Voce nel Deserto, Senegalese Diapalante, Il Mondo Tuareg, Hapa Tuko – Noi ci siamo!, Arte, Scienza e Benessere, Famiglie Diabetici della Provincia di Pordenone, Legambiente Circolo “Fabiano Grizzo” di Pordenone, Comunità San Valentino, UNIVOC PN, Associazione Sportiva Dilettantistica San Gregorio, Agape International, Ambientalista “Eugenio Rosmann”, Giulia, Proloco San Martino di Campagna, Nuovo Paradigma, Las Mariposas.

In collaborazione con gli Istituti scolastici Leopardi Majorana e la Fondazione Opera Sacra Famiglia di Pordenone, il Comune di Pordenone e Cinemazero.

Tante associazioni ed enti diversi, con attività specifiche in vari settori, ma con una stessa finalità: promuovere nei giovani la cultura del volontariato e della solidarietà!

“Le associazioni partecipanti – sottolinea Mauro Conti, presidente dell’AITSaM Pn – consapevoli della preziosa opportunità che il volontariato rappresenta, hanno costituito questa rete per creare iniziative che offrano ai ragazzi occasioni concrete e diverse di coinvolgimento nel mondo del volontariato, dalle attività di inclusione e promozione della salute mentale, alle attività di tutela dell’ambiente, alle attività ricreative e culturali, a quelle con i bambini, con gli anziani, di integrazione culturale, di promozione della salute in ambito sanitario, di supporto a persone con disabilità e creative di comunicazione. I ragazzi potranno scegliere le attività a cui partecipare, con la guida ed il supporto dei volontari, sulla base dei propri interessi, preferenze e tempo da dedicare. Le richieste di informazioni e le candidature possono essere inviate da parte dei giovani interessati all’indirizzo e-mail della responsabile del progetto monicavanzella@libero.it .

“Un’occasione per i giovani di avvicinarsi al mondo della solidarietà, sentirsi utili, fare nuove amicizie, ma anche per promuovere la cultura del cittadino attivo nella comunità. Un’esperienza concreta di volontariato, un’occasione di crescita, scoperta e confronto”.
Il progetto “Giovani, nuove ali per il volontariato” è finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia con risorse statali del Ministero del lavoro e delle Politiche sociali ai sensi dell’art.72 del D.Lgs. 117/2017 – Codice del Terzo Settore”.




Condividi