ArtandFood, Festival enogastronomico di eccellenze pordenonesi dall’1 al 3 ottobre

PORDENONE – Due manifestazioni con 34 eventi, 22 luoghi del gusto tra bar e ristoranti, un centinaio di operatori coinvolti, 4 campioni mondiali di pasticceria e gelateria daranno vita nel primo fine settimana di ottobre a una grande festa del gusto in centro città. Sono questi i numeri della seconda edizione di PORDENONE ARTANDFOOD, festival enogastronomico che accende i riflettori sulle eccellenze enogastronomiche del pordenonese e di PER…CORSI NEL GUSTO, concomitante itinerario di sapori in centro a Pordenone.

Nell’ambito del festival anche visite guidate gratuite alla scoperta dei tesori di Pordenone, presentazioni di libri a tema e il convegno “Il cibo raccontato dalle donne: cultura, territorio, sostenibilità” inserito nel piano formativo dell’Ordine dei giornalisti FVG. E lungo le strade del centro la divertente musica dal vivo della band Funkasin.

Quattro i luoghi del festival: tre per gli incontri degustazione, Ex Convento di San Francesco, Palazzo Montereale Mantica oltre alla tensostruttura Cristal in piazza XX Settembre, a cui si aggiunge la Loggia del Municipio per le presentazioni di libri.
Il via con la cerimonia di inaugurazione venerdì 1° ottobre alle 18 nella tensostruttura di piazza XX Settembre.

SECONDA EDIZIONE 2021
Prende il via con la cerimonia di inaugurazione venerdì alle 18 in piazza XX Settembre la seconda edizione del festival dell’enogastronomia e arte del pordenonese PORDENONE ARTANDFOOD, curata dal Comune di Pordenone, unita all’evento PER…CORSI NEL GUSTO, itinerari nei sapori pordenonesi curato da Concentro Azienda Speciale della CCIAA di Pordenone e Udine, in collaborazione con Sviluppo e territorio, con l’obiettivo preciso di raccontare che cosa succede nel Friuli Occidentale. Più che essere una vetrina delle eccellenze, pertanto, o un’esposizione di quanto di meglio può offrire un’area così varia, PORDENONE ARTANDFOOD e PER…CORSI NEL GUSTO vogliono prendere per mano il visitatore e guidarlo attraverso le storie che rendono questa parte del Friuli Venezia Giulia una zona unica da conoscere e scoprire.
PER…CORSI NEL GUSTO è un progetto curato da Concentro – Azienda Speciale Camera di Commercio di Pordenone e Udine, Sviluppo e Territorio, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, e rientra in un più ampio complesso di iniziative che hanno come scopo la riqualificazione urbana più generalmente inteso con il nome di “Pordenone 2020: una città per tutti”. L’obiettivo è quello di immaginare la città del futuro trainando lo sviluppo urbano inclusivo e sostenibile facendo leva su fattori più determinanti per garantire una alta qualità della vita per i suoi residenti.

Tra questi fattori la Cultura e il Turismo rappresentano una chiave fondamentale e in questa direzione vanno quelle iniziative che rendono attrattivo il Centro urbano, favoriscono le opportunità di socializzazione, l’intrattenimento per i cittadini e per le fasce a rischio di emarginazione, sostengono lo sviluppo economico del Centro storico, migliorando le capacità degli operatori e la promozione di eventi e delle attrattività. Va da sé che l’obiettivo è anche quello di stimolare lo sviluppo turistico declinando in particolare il tema del centro urbano accessibile e aperto.
In questa ottica, i ristoratori e barman aderenti al progetto PER…CORSI NEL GUSTO aggiungono qualcosa in più al naturale ruolo di ambasciatori del gusto di una città che svolgono quotidianamente. Nelle giornate dell’evento, i locali aderenti propongono al visitatore i prodotti del territorio con particolare entusiasmo, fieri del loro ruolo di privilegiati paladini dei sapori, raccontando anche loro i segreti e passioni da cui nascono i prodotti offerti ai visitatori che sapranno essere curiosi e interessati.
L’inaugurazione è prevista venerdì 1° ottobre alle 18 nella Tensostruttura Cristal di piazza XX Settembre, e nell’occasione saranno premiati i vincitori del concorso IAL “Pordenone ArtandFood young 2021”.
Sabato 2 ottobre, dalle 18 in poi, il centro città sarà animato dalla coloratissima street band Funkasin, una ventina di musicisti che coinvolgeranno il pubblico in una grande festa musicale.

IL PROGRAMMA di PORDENONE ARTANDFOOD
Sono 3 i luoghi del festival che nelle giornate di sabato e domenica accoglieranno il pubblico per gli incontri degustazione.

Palazzo Montereale Mantica: nel salone di palazzo Montereale Mantica, in Corso Vittorio Emanuele II 56, sono state concentrate le degustazioni di vino, birre e grappe.
Sabato alle 11 si inizia subito con l’incontro degustazione Bollicine Pordenonesi, a cura del Consorzio DOC Friuli Grave. Sempre il Consorzio DOC Friuli Grave cura domenica alle 11 l’incontro degustazione Sauvignon Mondiali e alle 18 l’incontro degustazione Autentici Friulani. Tutti gli incontri sono condotti da Paolo Ianna.
Due gli incontri degustazione che aprono la finestra sui cocktail: sabato alle 15.30 Nicola De Bernardin del Caffè Martelli affronta con Gianna Buongiorno l’incontro degustazione Cocktail e cibo? Si può!, domenica alle 11, accompagnato da Kevin Ferragotto l’incontro degustazione L’insolito fine pasto, con prodotti a marchio Io sono FVG.
L’Unione Artigiani di Pordenone – Confartigianato imprese propone altri 2 appuntamenti con degustazione, sempre nella sala di Palazzo Montereale Mantica, il primo Fermentum-i in calendario sabato alle 18 dedicato alle birre artigianali del pordenonese, e alle 21 la presentazione del libro di Pier Paolo Sabbatini Le distillerie storiche tra Livenza e Tagliamento, con la presenza dell’autore, Angelo Toppazzini e Werther Zuliani presentati da Alberto Cancian.

Ex Convento di San Francesco: l’area del San Francesco è invece destinata alla cucina salata.
Si inizia sabato alle 11 con I fiori edibili della Val Tramontina, una preparazione dello chef Robert Tonial che abbina il pesce ai fiori edibili coltivati da Mariangela Avon, ricetta descritta da Giulia Piazza.
I prodotti a marchio Io sono FVG sono gli ingredienti dei successivi appuntamenti. Lo chef Andrea Spina del ristorante Al Gallo è protagonista alle 15.30 dell’incontro degustazione Branzini in zucca con Kevin Ferragotto, seguito alle 18 dallo chef Federico Mariutti con Gianna Buongiorno impegnati sul tema Una lunga storia chiamata Latteria turnaria.
Domenica si riprende con gli incontri degustazione alle 15.30 per conoscere I presìdi Slow Food del Friuli del Pordenonese: un viaggio tra i sapori e le tradizioni riscoperte, guidati da Filippo Bier e Gianna Buongiorno.
Ultima degustazione alle 18 con Che lumaca! Un piatto preparato dallo chef Federico Mariutti e descritto da Kevin Ferragotto, sempre con prodotti a marchio Io sono FVG.

Tensostruttura Cristal piazza XX Settembre: L’alta pasticceria e gelateria sono ospitate nella tensostruttura appositamente allestita per il festival nella piazza centrale della città. Tutti gli incontri degustazione si sviluppano sul tema: Il futuro del cibo, il cibo del futuro, un filo conduttore che lega la lunga tradizione artigianale pordenonese con la capacità di intuire e progettare il futuro nel campo dell’alta pasticceria. Una struttura che ospita ben quattro campioni mondiali: il pasticciere Danilo Freguja un’autorità internazionale nel campo dell’alta pasticceria, Ezio Marinato campione mondiale di panificazione e Leonardo Ceschin campione mondiale di gelateria. A loro si aggiungerà domenica mattina il campione mondiale padovano Luigi Biasetto con un incontro speciale e un assaggio della sua pasticceria mignon.
Si inizia sabato alle 11.30 con l’analisi sensoriale proposta da Danilo Freguja e un cocktail esclusivo preparato insieme al mixologist Luca Martin dal titolo Il cioccolato che non c’è, o del cioccolato che verrà. The future chocolate and his Rummate.
Alle 14.30 Ezio Marinato porterà il pubblico in Un viaggio nel pane a 360°: dalle origini al futuro, con una degustazione di pane impastato a mano e realizzato con farine speciali del territorio.
Vira sulla popolarissima coppa di gelato l’incontro Banana Split, Dalla memoria al futuro, con Stephane Buosi della Cremeria Veneta di Brugnera alle 16.30. Mentre si parla di Lievito madre: l’antica magia che si rinnova nel futuro alle 18.30 con il pasticciere Luca Diana.
La giornata di domenica inizia alle 10 con un evento speciale dedicato alla consegna di due riconoscimenti: a Electrolux Professional sarà consegnata la targa per la qualificata attività di esportazione di prodotti di assoluta eccellenza nel mondo e conseguentemente per il prestigio che si riflette sul territorio pordenonese. Al pasticcere padovano Luigi Biasetto, campione del mondo con la sua creazione “sette veli” sarà consegnata la targa Ospite di Pordenone ArtandFood che suggella l’amicizia della città con un professionista di livello mondiale e il suo impegno di promuovere il nome di Pordenone nel mondo. L’incontro, a ingresso gratuito con prenotazione, prevede un assaggio di cioccolateria mignon.

Si parla ancora di gelato, nella sua versione biologica, alle 11.30 con L’artigiano del gelato 4.0, sul palco Giorgia e Ivan di “Amore bio”. Stefano Venier dell’”Arte Dolce” di Spilimbergo propone alle 14.30 un’esperienza a tutto tondo con Istruzioni per il prossimo millennio. Dal chilometro zero alla pasticceria ragionata, e ancora gelato, ma questa volta abbinato alla musica di Beethoven, è la proposta del campione mondiale Leonardo Ceschin dell’”Esquimau”: Il gelato della musica: degustazione sulle note di Beethoven, alle 16.30. Si chiude alle 18.30 con i fratelli Cassin e il recupero delle mille preparazioni con la zucca in un incontro degustazione che vedrà anche la partecipazione dell’accademia d’archi Arrigoni di San Vito al Tagliamento.
Tutti gli incontri sono presentati da Danilo Freguja e Ferruccio Ruzzante.

GLI ALTRI APPUNTAMENTI
Il festival Pordenone ArtandFood si declina non solo in incontri degustazione, ma anche in una serie di altri appuntamenti che completano lo sguardo sul territorio pordenonese e le sue eccellenze.
Laboratori per bambini: Cioccolatieri del futuro
Nelle giornate di sabato 2 e domenica 3 ottobre nelle due fasce orarie dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 18, Giuseppe Faggiotto, titolare della pasticceria Peratoner a Pordenone e dei locali storici Caffè degli Specchi, La Bomboniera e Caffè Tommaseo a Trieste, condurrà i cioccolatieri del futuro nel suo laboratorio professionale.
Gli aspiranti maestri cioccolatieri, di età compresa fra i 6 e gli 11 anni, assistiti dai professionisti Peratoner potranno preparare tre tavolette personalizzate con il proprio nome, depositarle nell’abbattitore, avvolgerle con una prestigiosa confezione in velluto e portarle a casa.
Ai giovani partecipanti sarà fornito grembiule e cappello da pasticcere.
I laboratori hanno un costo di 10 euro.

Convegno
IL CIBO RACCONTATO DALLE DONNE: CULTURA, TERRITORIO, SOSTENIBILITÀ
Giuliana Masutti consulente agroalimentare, rappresentante del gruppo di Donne del Cibo, con la partecipazione di Agrifood conduce il convegno “Il cibo raccontato dalle donne: cultura, territorio, sostenibilità” domenica dalle 10 alle 12 nel convento di San Francesco. Il tema mira ad affrontare con una nuova ottica il complesso modo di raccontare il cibo nella comunicazione professionale, che può essere raccontato da tanti punti di vista per i suoi aspetti tecnici, scientifici, ambientali, culturali e artistici. A farlo sono donne che hanno delle competenze specifiche in materia, con l’obiettivo di quello di aiutare gli operatori della comunicazione ad acquisire consapevolezza sul valore culturale, ambientale e sociale del cibo.
Relatori: Virginia Zanni, ricercatrice in Biotecnologie Agrarie presso l’Università degli studi di Udine; Giuliana Masutti, perita agraria e consulente di imprese dell’agroalimentare; Francesca De Vecchi, tecnologa alimentare, formatrice e comunicatrice scientifica; Alessandra Disnan, giornalista laureata in Scienze Gastronomiche; Maria Teresa Gasparet, sommelier e giudice sensoriale; Sara Pugnale, laureata in International Management and Marketing, gestisce la comunicazione di Agrifood FVG
Il convegno rientra nella attività formative approvate dall’Ordine dei Giornalisti del FVG e la frequenza dà accesso a 2 crediti formativi.

Dialoghi su libro e cibo
Dalla collaborazione con la Fondazione Pordenonelegge.it nascono tre appuntamenti che vedono protagonisti altrettanti autori impegnati in un dialogo con il pubblico che parte dalla parola scritta e tocca le particolarità della tradizione alimentare del territorio. Gli incontri si terranno tutti la domenica nella Loggia del Municipio, o in caso di maltempo a Palazzo Badini.

Alle ore 12.00 Incontro con Sandro Bottega. Presenta Gianna Buongiorno
I 100 piatti del Prosecco
(Mondadori Electa 2020)
Un viaggio attraverso una tradizione culinaria che ha saputo combinare quello che la natura offre spontaneamente con i prodotti dell’agricoltura e dell’allevamento, dando vita a una cucina creativa fatta di abbinamenti e contaminazioni di sapori e profumi e di nuove modalità di cottura, sempre all’insegna della semplicità e della genuinità. Qui nasce il Prosecco, che è protagonista della vita, della socialità e della convivialità: per conoscere qualcuno non lo si invita a bere un caffè ma “mezzo Prosecco”. Orgoglioso dell’enogastronomia, del paesaggio, della tecnologia e del patrimonio artistico della sua terra, Sandro Bottega ha voluto rendere omaggio alle genti schiette e laboriose che la abitano e che ne hanno creato e ne custodiscono la cultura.

Alle ore 16.00 Incontro con Giosuè Chiaradia e Enos Costantini
Salvia e rosmarino. Alimentazione tradizionale in Friuli
(Forum Edizioni, 2018)
Salvia e rosmarino: quando l’alimentazione seguiva i ritmi stagionali e i cibi erano prevalentemente prodotti locali. Questo volume presenta un’articolata ricerca etnografica, condotta negli anni ’60 e ‘70 del secolo scorso, a cui hanno contribuito diverse decine di informatori sparsi in tutto il Friuli Occidentale. È un libro di “cucina applicata”, applicata alla storia.

Alle ore 18.00 Incontro con Paola Dalle Molle, Lorenzo Cardin, Elisa Cozzarini e Lorenza Stroppa
Due guide per raccontare una città
Le guide:
Paola Dalle Molle e Lorenzo Cardin
Camminare a Pordenone, 17+1 itinerari per trasformare il nostro mondo (Studio associato Comunicare, 2021)
18 itinerari pedonali nella città di Pordenone e nei suoi dintorni. Ogni itinerario va da un minimo di circa 4 km ad un massimo di circa 12 km attraversando parchi, strade di campagna e vie cittadine. Ciascun capitolo contiene la descrizione tecnica del percorso con l’indicazione delle difficoltà, delle possibilità di fruizione da parte di persone diversamente abili, anziani, famiglie con bambini, nonché punti di sosta/ristoro, informazioni, notizie, storie o curiosità che vi si incontrano. Gli itinerari sono 17 + 1 poiché ciascuno di essi è correlato ai 17 Obiettivi dell’Agenda Onu per lo Sviluppo Sostenibile (https://unric.org/it/agenda-2030/). Il 18esimo obiettivo è quello di conoscere e amare Pordenone: questo itinerario si conclude sotto al campanile.
Elisa Cozzarini

Pordenone, una guida (Libreria editrice Odòs, 2020)
Lo sguardo di una insider per una guida contemporanea al meglio di Pordenone. Otto passeggiate lente tra arte, storia, acqua, cultura, buon cibo. Nella guida svelano i loro luoghi del cuore di Pordenone: Tullio Avoledo, Eva Poles, gli organizzatori di pordenonelegge, Lorenza Stroppa e Teho Teardo. “Ho scritto Pordenone una guida”, racconta l’autrice, “perché esplorare i luoghi è ciò che più mi appassiona. Ma questa volta c’era una difficoltà: imparare a raccontare un posto che credevo di conoscere. Spero di essere riuscita a trasferire un po’ del mio stupore a lettori e viaggiatori”.

Visite Guidate
Il versante artistico, sebbene presente in molti degli incontri degustazione sarà oggetto specifico di un corposo impegno curato da PromoTurismo FVG che per l’occasione ha predisposto nei due giorni del week end 5 itinerari alla scoperta dei segreti della città più o meno sconosciuti anche agli stessi abitanti. Dalle rogge ai tesori d’arte, dalla storia commerciale della città alle storie di bettole e osterie, il pubblico avrà l’occasione di entrare nel vivo della comunità che ospita la manifestazione. Tutte le visite guidate sono a partecipazione gratuita previa prenotazione.
Info e dettagli sono consultabili sul sito www.comune.pordenone.it/artandfood

COME PARTECIPARE
Per accedere a tutti gli eventi è necessaria la registrazione e la prenotazione tramite piattaforma Eventbrite. Gli appuntamenti con l’autore e i due eventi del 3 ottobre alle ore 10.00 sono gratuiti.
Tutti gli incontri degustazioni hanno un costo di 5€, il laboratorio Cioccolatieri del futuro ha un costo di 10€. La quota di partecipazione va pagata in contanti sul posto, previa prenotazione sulla piattaforma Eventbrite.
Per informazioni chiamare il n. 375 5928824 lun-ven 9.00-12.00.

Le visite guidate sono gratuite con prenotazione obbligatoria per un max di 20 partecipanti a evento: chiamare il n. 0434 520381 (lun-dom 9.00-13.00) oppure scrivere una mail a info.pordenone@promoturismo.fvg.it.
È necessario presentarsi 15 minuti prima dell’evento: l’organizzazione si riserva di riassegnare il posto in caso di assenza entro 5 minuti dall’inizio.
Per partecipare a tutti gli appuntamenti è necessario il possesso del GREEN PASS, il rispetto delle norme anti Covid-19, indossando la mascherina e mantenendo il distanziamento nei luoghi della manifestazione. Nelle sedi degli eventi non si potrà accedere con temperatura superiore ai 37,5°.
Info e dettagli sul sito www.comune.pordenone.it/artandfood

PORDENONE ARTANDFOOD 2021 è un festival promosso dal Comune di Pordenone, ed è organizzato in collaborazione con Concentro – Azienda Speciale Camera di Commercio di Pordenone e Udine, Promoturismo FVG e Sviluppo e Territorio, oltre alle categorie economiche e associazioni del settore enogastronomico e ricettivo locale e realtà economiche presenti sul territorio.




Condividi