Festival della Resilienza, la testimonianza di Fabio Cadamuro (Ascom-Fipe)

PORDENONE – ConCentro, azienda speciale della Camera di Commercio di Pordenone – Udine e Comune di Pordenone ricordano che sono aperte, consultando il calendario pubblicato sul sito www.pordenoneresiliente.it, le agende di prenotazione per quanti desiderano partecipare, sabato 29 e domenica 30 maggio, al Festival della Resilienza, evento che si svolgerà nella Biblioteca Civica cittadina.

I posti disponibili sono estremamente limitati. Gli eventi saranno comunque trasmessi in diretta streaming sulla pagina FB di ConCentro (@ConCentro). Nel chiostro della biblioteca saranno presenti artisti e musicisti proposti dalla scuola Polinote – da Michela Grena a Francesco Bearzatti, dai Bedroom Symphonies agli Osian duo – attori e compagnie teatrali locali – Ortoteatro e la Storica Società Operaia di Pordenone con Mi go talent – e l’imperdibile duo comico I Papu. In sala Degan si svolgeranno 6 laboratori di robotica per bambine e bambini, ragazze e ragazzi.

Tra le tante testimonianze raccolte dagli organizzatori del Festival in tema di resilienza, anche quella di Fabio Cadamuro, presidente di Ascom-Fipe, che racconta: «All’inizio era tutto un succedersi di telefonate, di chat e io, che ero stato eletto presidente di Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) a febbraio (2020), ho dovuto scalare una montagna. Il mio aiuto agli associati – spiega – è stato di informarli sulle norme che di volta in volta venivano introdotte, possiamo anche dire di “tradurle” in quanto spesso di difficile o dubbia interpretazione.

A questo riguardo voglio ringraziare gli uffici di Ascom per il prezioso lavoro svolto. Siamo arrivati al quattordicesimo mese. Se c’è stata quindi resilienza? Direi in maniera convinta di sì. Naturalmente, dalla pandemia non stanno uscendo tutti alla stessa maniera. Non abbiamo ancora il quadro completo di chi ce l’ha fatta a resistere e chi no: alcuni hanno avuto finanziamenti, altri prestiti da parenti, altri ancora hanno prosciugato i risparmi d’una vita. Credo che il problema sarà a fine d’anno e, quindi, spero nella ripartenza di maggio e non voglio nemmeno pensare a un settembre-ottobre 2021 simile a quello scorso».

L’intervista completa è disponibile sul sito www.pordenoneresiliente.it
In caso di pioggia gli incontri si svolgeranno nel ridotto del teatro Verdi. Per qualunque informazione sul festival è possibile contattare: informazioni@pordenoneresiliente.it




Condividi