Irse Casa Studente, Laura Zuzzi confermata presidente

PORDENONE – L’Assemblea IRSE ha provveduto al rinnovo delle cariche per il prossimo triennio. Sono stati eletti a nuovi consiglieri l’economista Chiara Mio, il giornalista e scrittore Roberto Reale, il commercialista Francesco Musolla.

E sono stati riconfermati gli altri consiglieri: l’ingegnere Giuseppe Carniello, Flora Garlato gia’ docente di materie economiche e giuridiche, Giovanni Lessio, presidente Teatro Verdi Pordenone, Luciano Padovese, fondatore della Casa dello Studente Zanussi, Maria Francesca Vassallo presidente del Centro Iniziative Culturali Pordenone e Laura Zuzzi, storica regista operativa dell’Istituto. È stato eletto anche il Collegio dei Revisori che prevede da Statuto tre componenti effettivi: Francesca Ferraro (presidente), Luca Moro, Federico Rosso e due componenti supplenti: Marco Martini e Stefania Savocco. Il Consiglio ha in seguito riconfermato alla presidenza e alla vicepresidenza Laura Zuzzi e Giuseppe Carniello. L’ultima assemblea in audioconferenza ha registrato la partecipazione di quasi tutta la trentina di componenti, soci effettivi, con interventi puntuali e una comune volonta di impegno di guardare avanti con fiducia.

E’ stato sottolineato l’apprezzamento per il livello delle attività di formazione dell’Istituto, che continua ad essere dimostrato dai partecipanti alle diverse iniziative (in molti casi duplicati con le attività in streaming) e dai relatori invitati per corsi e convegni nei diversi settori. Salutato con particolare soddisfazione dell’Assemblea il pool dei nuovi soci, accettati in un precedente Consiglio: giovani professionisti under 40 con percorsi eccellenti: partiti appena laureati per esperienze qualificate all’estero come la new entry tra i revisori Marco Martini; Elena Biason, ingegnere civile pordenonese, ora dello staff dello studio Cucinella Architects, Bologna; Matteo Troia, Master in Informatica, Data Scientist in Capgemini, Marcello Turconi, Master in Neuroscienze alla SISSA, giornalista scientifico; già preziosi collaboratorinegli ultimi anni per specifiche iniziative e “usciti dal prezioso vivaio” – come e’ stato definito – del Concorso internazionale IRSE “Europa&Giovani” .

“Sfide del nuovo ventennio, memoria del primo Novecento europeo” e’ il filo conduttore del nuovo progetto triennale di attività dell IRSE Istituto Regionale Studi Europei, presentato in Regione Friuli Venezia Giulia, in uno specifico Bando per le associazioni riconosciute di particolare valenza. Come Istituto di formazione si rinsalda la convinzione di aiutare a far conoscere ai giovani in particolare, a cittadini e operatori in diversi ambiti, le sfide attuali dell’Europa per un ripensamento complessivo, non più procrastinando scelte di sostenibilità ambientale, trasformazione digitale, coesione sociale.

Nelle attività del 2021-2023 di intende divulgare in primis obiettivi e contenuti dell’importante piano Next Generation EU; dando strumenti per interpretare e orientamenti per essere protagonisti . Per non puntare al ritorno alla “normalità” di prima, di cui conosciamo anche tutte le storture, le disuguaglianze sociali, economiche di genere e anche territoriali, ma provare a scrivere una pagina diversa di futuro pur in un momento difficile. Orientamenti e nel contempo memoria storica. Si intende anche far conoscere – con coinvolgimenti originali – a giovani e non solo, un periodo per molti aspetti simile a quello attuale: i primi decenni del Novecento, fra le due guerre. Periodo di grandi cambiamenti, di elaborazioni sociali, di grande creatività, di grande espansione industriale, di avanguardie artistiche, ma anche di nascita di razzismo e di sistemi totalitari che preparavano la rovina dell’Europa.

L’IRSE potra contare nel prossimo triennio anche nella collaborazione e amicizia di vari consulenti nei diversi dipartimenti. Tra i molti conosciuti negli anni, per il dipartimento cultura economica-giuridica: Francesco Daveri (Università Bocconi) Baldini (Università Modena-Reggio); Valeria Fili e Francesco Marangon (Università Udine); per cultura storico-politica Gianfranco Pasquino (John Hopkins University, Bologna Marco Almagisti (Università Padova); per formazione scientifica Pietro Paolo Battaglini (Università Trieste) Giuseppe Zampini (Università di Trento Centro Mente e Cervello); per formazione linguistica: Richard Baudains, (British School Fvg) e diversi Teacher Trainers internazionali.

IRSE Tel. 0434/365326 irse@centroculturapordenone.it




Condividi